Blog

FUMO, Killer silenzioso

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Al mondo si contano circa 1 miliardo di fumatori, in media una persona su sei è un fumatore. Il tabagismo, ovvero l’abitudine e la conseguente dipendenza al fumo di tabacco, è la prima causa di morte nel mondo e i suoi numeri sono impressionanti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che muoiono ogni anno circa 6 milioni di persone a causa del fumo di sigaretta.In Italia il fumo determina, secondo le stime, tra i 70.000 e gli 80.000 decessi l’anno: come se ogni giorno si schiantasse un aereo con a bordo più di 200 passeggeri. Tumori e malattie cardiovascolari sono le principali patologie collegate al tabagismo.  Per quanto riguarda quest’ultime si calcola che il rischio di eventi cardiovascolari fatali a 10 anni è quasi doppio nei fumatori.  Il rischio associato al fumo è proporzionalmente più elevato nelle donne che negli uomini, probabilmente per effetto del differente metabolismo della nicotina dato che le donne metabolizzano la nicotina più rapidamente degli uomini, specie se assumono contraccettivi orali.

Il rischio associato al fumo è principalmente legato alla quantità giornaliera di tabacco fumato. Anche la durata è importante e, per quanto il fumo di sigaretta sia quello maggiormente diffuso, di fatto tutti i tipi di tabacco sono nocivi, comprese le sigarette a basso contenuto di catrame, i sigari e la pipa. Il fumo è deleterio a prescindere da come viene fumato il tabacco e anche i fumatori che sostengono di non aspirare ( es. i fumatori di pipa) sono comunque ad aumentato rischio di MCV. Numerosi studia confermano che anche il fumo passivo aumenta il rischio di Cardiopatie ischemiche, con un rischio relativo più alto di quanto ci si potrebbe aspettare. E’ stato stimato che un non fumatore che vive con un partner fumatore ha un rischio più alto del 30% di MCV e l’esposizione al fumo passivo nel posto di lavoro è associato ad un analogo incremento del rischio.

Analizzando i meccanismi d’azione che stanno alla base del danno da fumo di sigaretta, è ormai accertato che il tabagismo costituisce un fattore predisponente allo sviluppo dell’aterosclerosi e dei conseguenti fenomeni trombotici. Diversi studi hanno dimostrato che i radicali liberi, presenti nel fumo aspirato, attivano le LDL, il cosìdetto colesterolo cattivo, attraverso un processo di ossidazione, responsabili a loro volta dell’attivazione dei processi infiammatori nei vasi sanguigni  causando la formazione della placca aterosclerotica. Attraverso la combustione si libera anche monossido di carbonio il quale si lega all’emoglobina al posto dell’ossigeno, che sarà quindi meno disponibile per le cellule. Altro agente nocivo è il piombo, uno delle 4000 sostanze tossiche presente nelle sigarette, che si può accumulare nelle arterie e causarne l’occlusione. I danni si manifestano non solo a livello di cuore e cervello, ma anche nei confronti del pene. Il fumo, infatti, è una delle principali cause di disfunzione erettile, poiché l’erezione è un meccanismo regolato dalle arterie peniene; se queste sono ostruite si va incontro a Disfunzione Erettile (DE). Gli uomini che fumano più di 20 sigarette al giorno hanno un rischio maggiore del 60% di sviluppare  DE  rispetto a chi non ha mai fumato.

E’ facile intuire come, in definitiva, i danni correlati al fumo siano innumerevoli e spesso irreparabili.  Smettere di fumare è un processo complesso e difficile poiché questa abitudine comporta una forte dipendenza farmacologica (alla nicotina) e psicologica (la ritualità), ma  rappresenta la pietra miliare per il miglioramento della salute cardiovascolare.

Matteo Cavallo
Author: Matteo CavalloEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Informazioni sull'autore
Studente di Medicina dell’Università di Catania. Dopo il diploma, conseguito presso il Liceo Scientifico di Modica, realizza il suo sogno di poter intraprendere gli studi medici. Durante il percorso accademico capisce l’importanza di una formazione che miri anche alla Prevenzione al fine di avere una visione sempre più completa delle varie patologie. Notando la mancanza di un insegnamento specifico nel percorso accademico sul tema della Nutrizione, che si sposa perfettamente con la Prevenzione, ha approfondito singolarmente questo importante aspetto. Appassionato di Cardiologia fin dal primo anno, è interno presso il reparto di Cardiologia dell’Ospedale Ferrarotto di Catania da Ottobre 2016.
Articoli dell'autore

e-max.it: your social media marketing partner

Progetto ideato da

Sei uno specialista?

Sei uno specialista? Gestisci una palestra e offri servizi di cardio fitness? Sei il titolare di una farmacia? Entra a far parte del nostro network e inizia subito a offrire la tua consulenza e i tuoi servizi.  

Iscriviti

©2020 Proteggi il Tuo Cuore. All Rights Reserved. P.I. 01128130869 - Credits
Cuore sempre in forma? Scopri come ricevere consigli utili per il benessere e la salute del tuo cuore.  Leggi tutto
Toggle Bar

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.